Articoli taggati come ‘benessere’

Cura capelli bambini

Ago 01
Scritto da Annamaria avatar

Come prendersi cura dei capelli dei bambini. Farli crescere sani e forti e proteggerli, soprattutto in estate? L’alimentazione è importante anche per la cura dei capelli.

I capelli dei neonati sono pochi e radi di solito. La testa si ricopre entro i 3 anni. Non sono definitivi, magari mossi, poi diventano lisci o appena ondulati.
Come prendersi cura dei capelli dei bambini?
I piccoli hanno bisogno di una dieta varia, equilibrata e ricca di proteine e vitamine. Per la chioma è importante la vitamina B (biotina). Ecco comunque gli alimenti da aggiungere alla dieta di vostri figlio per avere capelli perfetti:

Uova
Pane integrale (altro…)

Caldo: i consigli degli esperti

Lug 07
Scritto da Annamaria avatar

Che caldo che fa! Scontata direte voi questa affermazione, ma proprio perché fa caldo servono i consigli degli esperti per sapere come comportarsi al meglio ed evitare problemi fisici.

Con il grande caldo i consigli degli esperti sono basilari. Il clima torrido crea preoccupazione. ‘Paginemediche‘ ha chiesto la collaborazione degli esperti iscritti al servizio Medici online per dare le buone regole di un’estate perfetta. Sono stati coinvolti: Antonio Del Sorbo, specialista in Dermatologia; Enzo Brizio, medico di Medicina generale, e Sergio Lupo, specialista in Medicina dello sport.

Ecco i consigli degli esperti: (altro…)

Gambe gonfie: carbossiterapia

Giu 27
Scritto da Annamaria avatar

Quante di noi hanno le gambe gonfie in estate? Se facciamo per alzata di mano, sicuramente quelle che rimarranno giù saranno pochine, beate loro. Per risolvere il problema delle gambe gonfie c’è anche la carbossiterapia.

Il problema della gambe gonfie secondo gli esperti sono due donne su tre. Questo fastidio oggi può essere ovviato grazie all’anidride carbonica, alla carbossiterapia. (altro…)

Abbronzatura sicura

Giu 25
Scritto da Annamaria avatar

Bello avere l’abbronzatura, ma meglio che sia sicura. Le scottature sono dietro l’angolo. I consigli per un’abbronzatura sicura serviranno per stare tranquille sotto il sole. Tutti con questo caldo abbiamo voglia di mare e tintarella, senza fare del male alla nostra epidermide però.

Se l’abbronzatura non è sicura i danni, specialmente a lungo tempo, saranno evidenti: eritemi, bolle, macchie, invecchiamento precoce e, non dimenticatelo mai, nel peggiore dei casi melanomi. Quindi l’imperativo e diventare dorate proteggendosi e proteggendo i nostri figli. (altro…)

Bambini: con lo sport migliorano i voti

Giu 21
Scritto da Annamaria avatar

I bambini devono fare attività fisica: lo sapevate che con lo sport migliorano anche i voti a scuola? Io, con mia figlia instancabile ballerina e che finora ha sempre avuto ottime pagelle, lo sospettavo. Ora lo certifica uno studio.

Con lo sport migliorano anche i voti dei bambini, basta un’ora al giorno di fitness. Questo influisce anche sulle capacità cognitive. Lo afferma una ricerca della Northeastern University di Boston ancora non pubblicato, ma i cui risultati sono stati già resi noti dal New York Times. Vi emerge che a unire esercizio e prestazioni intellettuale è l’accumulo di un determinato tipo di grasso. (altro…)

Decalogo gambe perfette

Giu 10
Scritto da Annamaria avatar

Noi mamme vogliamo scoprirci, mostrare gambe perfette. Spesso però sono gonfie e stanche. Come fare? Ecco il decalogo da seguire alla lettera.

Il decalogo per gambe perfette arriva dall’Assosalute, Associazione nazionale farmaci di automedicazione. “I fastidi delle gambe gonfie possono essere alleviati con qualche accorgimento e con uno stile di vita più sano, all’insegna di una alimentazione equilibrata e del movimento”.

Il decalogo per gambe perfette:

1) PRATICARE ATTIVITA’ FISICA – Lo sport è fondamentale per avere una buona circolazione del sangue. E’ importante praticare attività fisica 2 o 3 volte a settimana, variando se possibile la tipologia di allenamento. Sono particolarmente indicati gli sport che tonificano la muscolatura delle gambe come il nuoto (che migliora la circolazione anche grazie al massaggio naturale dell’acqua), il jogging, la bicicletta e il trekking. Meglio rinunciare all’ascensore ed evitare per brevi spostamenti la macchina, cercando di camminare di buon passo almeno per 30 minuti ogni giorno. Camminare favorisce il mantenimento di un buon ritorno venoso, poiché si attiva la pompa muscolare che spinge il sangue verso il cuore.

2) PERDERE I CHILI DI TROPPO E MANGIARE SANO – Le persone in sovrappeso soffrono più frequentemente di insufficienza venosa perché sono più soggette allo schiacciamento dei vasi sanguigni. Meglio perdere i chili di troppo e in generale adottare un’alimentazione equilibrata, un aiuto indispensabile per la salute delle vene. Quindi più verdura e frutta, specie quella rossa, naturalmente ricca di sostanze capillaro-protettrici; pochi grassi, più legumi e un giusto apporto di cereali, che per la loro ricchezza in fibre aiutano il transito intestinale, combattendo il gonfiore; imitare il consumo di alcolici e fare attenzione all’eccesso di sale, che facilita il ristagno venoso e favorisce l’aumento della pressione, contribuendo a peggiorare i sintomi dell’insufficienza venosa.

3) CAMBIARE SPESSO POSIZIONE – Se si è impegnati in un’attività che costringe a stare a lungo fermi in piedi, il consiglio è di far lavorare le caviglie sollevandosi sulle punte, almeno per 2 minuti ogni ora. Se invece si rimane a lungo seduti, si dovrebbero sollevare le gambe almeno per un quarto d’ora 3 volte al giorno, oltre a utilizzare una pedana poggiapiedi. Un’altra buona regola è evitare di accavallare le gambe. Abituarsi poi a fare qualche passo ogni tanto per riattivare la circolazione.

4) RIPOSARE CON LE GAMBE SOLLEVATE – Bisognerebbe inclinare il letto o sollevare il materasso, in modo che le estremità inferiori rimangano sollevate di 15-20 centimetri. Un modo per ottenere facilmente la giusta pendenza è mettere un cuscino sotto il materasso, così che i piedi siano più alti rispetto al cuore. Sollevare le gambe facilita la risalita del sangue al cuore ed evita la stasi circolatoria.

5) USARE TACCHI ALTI CON MODERAZIONE – E’ importante mantenere la curvatura naturale del piede, evitando di camminare scalzi, ma anche di sfoggiare tacchi troppo alti che possono compromettere il ritorno venoso. L’ideale sarebbe indossare un tacco comodo e di pochi centimetri.

6) FARE ATTENZIONE ALL’ABBIGLIAMENTO – I vestiti troppo fascianti ostacolano la corretta circolazione. Vale la stessa regola per le calzature, che non devono essere scomode e costringere eccessivamente il piede. Un aiuto può arrivare dall’elasto-compressione attraverso calze elastiche che aiutano a ripristinare la normale circolazione venosa. La compressione esterna sulla gamba contrasta l’aumento della pressione all’interno delle vene e accelera il flusso del sangue nei vasi, oltre a restringere le vene dilatate.

7) RIMANERE IDRATATI – E’ indispensabile assumere molti liquidi durante la giornata, anche lontano dai pasti, per ‘diluire’ il sangue e facilitarne la risalita dalle gambe verso il cuore.

8) FARE LA DOCCIA FRESCA – Piuttosto che fare un bagno caldo, possibile causa di vasodilatazione che affatica le pareti delle vene, è preferibile lavarsi con acqua tiepida corrente per ottenere un’ottimale azione tonificante sulla circolazione.

9) PRATICARE DEI MASSAGGI – Utili per riattivare la circolazione delle gambe in caso di pesantezza e gonfiore, i massaggi possono dare molto sollievo, ma solo quando non hanno un’azione troppo riscaldante. Per aumentare il loro beneficio si potrebbero associare a un getto di acqua tiepida.

10) RICORRERE AI FARMACI DI AUTOMEDICAZIONE – Per alleviare i sintomi delle gambe gonfie e combattere la fragilità capillare, i farmaci di automedicazione possono risultare utili. Applicati localmente, sotto forma di creme o gel per un sollievo immediato, oppure assunti per via generale, sotto forma di polvere o compresse, offrono all’organismo sostanze capillaro-protettrici – a base di diosmina, anche in associazione oppure a base di flavonoidi (oxerutina, troxerutina, mirtillina) o di composti tripterpenici (escina, ippocastano, centella) – che aiutano a ridurre il gonfiore agendo sulla circolazione e in particolare sui capillari venosi, proteggendoli e rendendoli maggiormente elastici. Riconoscibili grazie al bollino che sorride sulla confezione, ricorda Assosalute, i medicinali di automedicazione vanno assunti leggendo sempre il foglietto illustrativo. In caso di gravidanza, consultare il proprio medico di fiducia.

World Milk Day

Giu 01
Scritto da Annamaria avatar

Oggi, 1 giugno, è il World Milk Day. La giornata mondiale del latte l’ha voluta la Fao, Organizzazione delle Nazioni Unite per l’alimentazione e l’agricoltura, dal 2001.

Il World Milk Day celebra il latte. Come si legge su La Repubblica, “sono circa 150 milioni le famiglie in tutto il mondo sono impegnate nella produzione di latte. Nella maggior parte dei paesi in via di sviluppo, il latte viene prodotto dai piccoli proprietari e la produzione di latte contribuisce alla vita delle famiglie sia per l’alimentazione che per il reddito”. (altro…)

Pappataci: rimedi naturali

Mag 06
Scritto da Annamaria avatar

Le punture di pappataci sono fastidiosissime per i grandi, figuriamoci per i bambini. Si può fare qualcosa? Sì, anche con rimedi naturali.

A differenza delle zanzare sono minuscoli e sileziosi, quindi più difficili da individuare. E’ la sera che si muovono di più e colpiscono, causandosi problemi con una puntura che provoca prurito intenso e fastidio. Sono molto pericolosi per i cani, perché alcuni di loro possono trasmettere la Leishmaniosi, malattia che rappresenta un grande rischio per i quattro zampe. (altro…)