Articoli taggati come ‘decreto’

Vaccini obbligatori: decreto è legge

Lug 28
Scritto da Annamaria avatar

Il decreto è legge: i vaccini obbligatori creano ancora polemica ma i 305 sì alla fiducia alla Camera parlano chiaro.

Con il decreto Lorenzin che ora è legge, dopo 18 anni i vaccini tornano obbligatori per potersi iscrivere a scuola. Si è arrivati a questo per fare fronte all’allarmante calo delle coperture vaccinali in Italia.

Ora che il decreto è definitivamente legge, cosa prevede in merito ai vaccini obbligatori? (altro…)

Vaccini obbligatori: 10

Lug 06
Scritto da Annamaria avatar

Diventano da 12 10 i vaccini obbligatori per l’iscrizione a scuola. Ecco tutte le novità.

Da 12 a 10, i vaccini obbligatori diminuiscono, ma per altri 4 è prevista un’offerta attiva e gratuita e saranno vivamente consigliati. I genitori che non vaccinano i loro figli avranno sanzioni più basse: il tetto massimo scende da 7.500 euro a 3.500 euro. Il minimo resta invariato a 500 euro. L’entità della ‘multa’ cambia in base al numero delle vaccinazioni omesse. Decade pure il riferimento al rischio di perdere la patria potestà.
Sono queste le principali novità contenute negli emendamenti al decreto Lorenzin approvati dalla Commissione Igiene e Sanità del Senato.

I 10 vaccini obbligatori ora sono quelli contro poliomielite, tetano, difterite, epatite B, Haemophilus influenzae B, pertosse, morbillo, parotite, rosolia e varicella. (altro…)

Vaccini: numero verde

Giu 09
Scritto da Annamaria avatar

Per la corsa ai vaccini arriva il numero verde. Penso sia utile che tutti i genitori lo sappiano.

Il numero verde riguardante i vaccini è stato fortemente voluto dal Ministero della Salute. Sarà attivo dal prossimo 14 giugno.

Il numero verde per sapere tutto sui vaccini è il 1500: un centralino di pubblica utilità che dissiperà gli eventuali dubbi sul nuovo decreto legge sull’obbligo di profilassi per poter frequentare la scuola. (altro…)

Vaccini, decreto in Gazzetta

Giu 06
Scritto da Annamaria avatar

Il decreto sui vaccini per i bimbi è stato pubblicato oggi, 6 giugno, in Gazzetta Ufficiale. Per chi avesse ancora dei dubbi, sappiate che non c’è scampo. Io sono favorevole, ma le polemiche non accennano a placarsi.

La pubblicazione in Gazzetta Ufficiale del testo definitivo dei vaccini approvato dal Consiglio dei Ministri il 19 maggio scorso impone che d’ora in poi le vaccinazioni saranno obbligatorie per l’iscrizione a scuola per volontà del Ministro della Salute Beatrice Lorenzin. Arriverà pure “una presentazione tecnico-scientifica per dare le istruzioni alle famiglie e alle istituzioni”. (altro…)

Vaccini obbligatori: nidi e materna

Mag 19
Scritto da Annamaria avatar

I vaccini diventano obbligatori nei nidi e alla materna, c’è stato il sì al decreto che li chiedeva per l’iscrizione a scuola il prossimo settembre. Saranno dodici quelli richiesti.

Per i nidi e la materna vaccini obbligatori. Il Cdm ha approvato il provvedimento “Disposizioni urgenti in materia di prevenzione vaccinale”.

I vaccini saranno obbligatori da 0 a 6 anni, in nidi e materna. Obbligatori pure nelle scuole dell’obbligo, elementari e medie, e primi due anni delle scuole superiori (fino a 16 anni). In questo caso non è previsto il divieto di iscrizione a scuola, solo sanzioni “anche 30 volte di più di quelle esistenti”, ha spiegato il premier Gentiloni. (altro…)

Sigarette: stop in auto con bimbi e donne incinte

Gen 26
Scritto da Annamaria avatar

sigarette-stop-in-auto-con-bimbi-e-donne-incinte

Sigarette off limits: dal 2 febbraio stop in auto al fumo con bimbi e donne incinte. Questa è solo una delle restrizioni che saranno introdotte con il decreto di recepimento della direttiva Ue sul tabacco e che entreranno progressivamente in vigore, dopo la pubblicazione in Gazzetta ufficiale il 18 gennaio scorso.
Si vuole far smettere: le sigarette fanno male. Lo stop in auto con bimbi e donne incinte è opportuno, lo dico da ex fumatrice che oggi utilizza la sigaretta elettronica e che prima fumava in macchina con sua figlia dentro. Anche mio marito, che ha proprio smesso, mi fumava accanto quando ero incinta….
Le misure saranno drastiche. Oltre allo stop alle sigarette in auto con bimbi e donne incinte, c’è molto di più, come riporta dettagliatamente l’Ansa.

(altro…)

Niente sigarette con bimbi e donne incinta in auto

Ott 14
Scritto da Annamaria avatar

niente-sigarette-con-bimbi-e-donne-incinta-in-auto

Niente sigarette con bimbi e donne incinta in auto. Questa una delle maggiori novità introdotte con il decreto di recepimento della direttiva Ue sul tabacco, che ha ottenuto il via libera del Consiglio dei Ministri.
Solo in Italia, il fumo uccide 83mila persone l’anno; nel mondo circa 6 milioni di persone. L’Organizzazione mondiale della Sanità ha definito il fumo come “la più grande minaccia per la salute nella regione europea”.
In Italia, i fumatori sono 10 milioni: il 23,4% degli studenti dei primi anni delle superiori afferma di fumare. Di questi, il 63,9% non ha avuto un no dall’esercente dell’acquistare sigarette nonostante il divieto di vendita ai minori. Nonostante la legge Sirchia del 2003 per lo stop al fumo nei luoghi chiusi abbia portato dei giovamenti, c’è ancora tanto da fare. (altro…)

Nel Lazio 800 euro per chi partorisce in casa

Mag 17
Scritto da Annamaria avatar

Parto-in-casa-oggi

La Regione Lazio ha subito sottolineato che è un semplice rimborso, non un incentivo, comunque chi d’ora in poi deciderà di partorire il proprio bebè in casa avrà un bonus di 800 euro, per coprire in parte la spesa per ostetriche o altro personale che opera privatamente.
In Italia, secondo il rapporto “Cedap” del Ministero della Salute, la percentuale di parti in casa è molto bassa, arriva al massimo allo 0,4% in Friuli Venezia Giulia. Ogni anno nel nostro Paese circa 1.500 donne fanno questa scelta. Solo alcune regioni, Piemonte, Emilia Romagna, Marche e da pochi giorni appunto il Lazio, oltre alle province di Bolzano e Trento, garantiscono un rimborso parziale delle spese. La possibilità di partorire tra le roprie mura – è spiegato nel decreto – è percorribile solo nel caso sia accertato dal ginecologo che si tratti di un parto naturale senza problemi.
Nonostante queste raccomandazioni, è già polemica.

(altro…)