Co-sleeping

Feb 02
Scritto da Annamaria avatar

Co-sleeping sì o co-sleeping no? Dormire tutti insieme nel lettone fa bene? Ci sono varie correnti di pensiero. In molti dicono assolutamente no portando alcune obiezioni.

Ci sono dei miti da sfatare in merito al co-sleeping. Tanti studi scientifici negano l’esistenza di problemi di tipo psicologico o fisico nei bambini che dormono nel lettone o nella stanza dei genitori.

Bisogna solo ricordare che nelle prime otto settimane di vita del bimbo, quando c’è il rischio di morte in culla e bisogna stare molto attenti, ma poi ci sono norme di sicurezza per evitare i problemi.

Il co-sleeping può essere room-sharing o bed-sharing. Non è vero che i bambini che dormono con i genitori hanno un sonno disturbato: i disturbi del sonno dei bambini sono minimi. Quindi lo si può tranquillamente adottare, l’importante è che la scelta dei genitori sia libera e soprattutto condivisa all’interno della coppia.

Non è tutto, dormire con i bambini favorisce l’autonomia del proprio figlio, non la compromette. E’ falso pure che il bambino non uscirà più dalla stanza, quando si sentirà scomodo, gradualmente, andrà a dormire nella sua di stanza.

In molti dicono che il co-sleeping compromette la coppia. Sono molti gli esperti che smentiscono anche questa obiezione: se ci sono coppie che vivono difficoltà nel loro rapporto, non bisogna puntare il dito contro il proprio pargolo come causa. Se devono separarsi lo faranno ugualmente, perché l’intimità di coppia, se vuole, la si trova sempre, anche in altri momenti.

Scrivi un commento