Articoli taggati come ‘rischi’

Bebè dopo i 40

Nov 05
Scritto da Annamaria avatar

Mini fortieth birthday cake decorated with a single candle

Sono molte le donne che hanno un bebè dopo i 40 anni. In passato il rapporto con le mamme over 35 era di 1 a 100, ora la proporzione si è abbassata fino a diventare 1 a 7. Il trend ormai è attualissimo e in continua crescita.

Il bebè arriva per molte dopo i 40 semplicemente perché prima si privilegiano gli studi, i master e la carriera o magari, proprio perché non si ha un lavoro e quindi ci si sposa tardi. Avere un bebè dopo i 40 anni non è un problema, certo, è pur vero che, però, una gravidanza ‘over’ aumenta alcuni rischi per la salute del bambino. Possono inoltre essere più frequenti alcune patologie durante la gravidanza o complicanze durante il parto. (altro…)

Bambini: alimentazione vegana, sì o no?

Giu 02
Scritto da Annamaria avatar

Sempre più bambini hanno un’alimentazione vegana. Ci si chiede: sì o no? Nel senso, è giusto farli mangiare seguendo i principi di mamma e papà oppure, anche se in casa si è rinunciato a mangiare prodotti derivati dal mondo animale, è opportuno che i piccoli abbiano un regime alimentare proprio?

Il quesito è importante. Bambini e alimentazione vegana, sì o no? I pediatri, a quanto pare, sono allarmati da questa tendenza.Per i medici l’alimentazione vegana per i bambini è più ‘no‘ che ‘. Per loro non esiste un ‘sì o no‘.  (altro…)

Fumo: adolescenti con vizio in aumento

Giu 01
Scritto da Annamaria avatar

fumo-adolescenti-con-vizio-in-aumento

Il fumo continua a mietere vittime, nonostante questo i dati che arrivano sono allarmanti: gli adolescenti con il vizio delle bionde sono in aumento in Italia.

L’Airc (Associazione Italiana ricerca sul cancro) ha ricordato ieri, Giornata mondiale senza tabacco 2016, che nel nostro Paese ogni anno si registrano 41mila casi di tumore al polmone e 32mila decessi. Il tumore al polmone è la prima causa di morte per cancro in Italia. Per l’Istat, nel nostro Paese gli uomini che fumano di più sono i giovani adulti di età compresa tra i 25 e i 34 anni con una percentuale del 26,4%; per le donne la fascia con maggiori fumatrici è quella giovane, dai 20 ai 24 anni con una percentuale del 20,5%. Allarmanti sono i dati degli adolescenti con vizio fumo: sono in aumento. (altro…)

Vacanze esotiche: vaccini per bambini

Mag 20
Scritto da Annamaria avatar

vacanze-esotiche-vaccini-per-bambiniAvete in mente vacanze esotiche, ci sono vaccini per far sì che i bambini viaggino sicuri. Gli esperti della World Association for Infectious Disease and Immunological Disorders (Waidid) hanno stilato una mappa dei rischi vecchi e nuovi, dispensando consigli anche sulla profilassi vaccinale.
Le ‘malattie del viaggiatore’ non sono uniformemente presenti nelle varie aree a rischio sanitario: al primo posto c’è il Continente Africano, spiegano gli esperti. Seguono poi il Sud Est Asiatico, l’America Latina e il Medio Oriente.
Se state programmando vacanze esotiche bisogna informarsi bene sui vaccini.
Per i bambini, a Milano, è attivo il ‘Centro per il Bambino Viaggiatore’ della Fondazione Policlinico-università degli Studi del capoluogo lombardo, diretto da Susanna Esposito.
Con l’estate alle porte e vacanze esotiche in mente per i bambini meglio stare sereni con vaccini adatti. (altro…)

Smog aumenta rischio parto prematuro

Feb 06
Scritto da Annamaria avatar

Lo smog aumenta il rischio di parto prematuro. Vivo a Roma, in questo inverno così poco piovoso, siamo davvero messi male. L’aria in questi giorni è davvero irrespirabile in alcune zone. Nonostante la meravigliosa città in cui abito con la mia famiglia, mi rendo conto di quanto sarebbe meglio stare in campagna o in collina o in un paesino in alta montagna e respirare aria pura. Per me, per mia figlia, per tutti…

Lo smog è dannoso, provoca molti problemi di salute gravissimi, cancro compreso. Non solo. Da uno studio è anche venuto fuori che aumenta il rischio di parto prematuro. Così sembra. E la presenza nell’aria di polveri sottili o ‘particolato fine’ legato ad esempio agli scarichi delle vetture diesel e benzina che aumenta il rischio di parto prematuro. La ricerca è stata pubblicata sulla rivista Environmental Health.
Il pericolo che lo smog faccia crescere le probabilità di partorire prima va dal 19 al 28% in più se la gestante è esposta a questo tipo di particelle – di diametro inferiore a 2,5 micrometri (PM2,5), ovvero 30 volte più piccolo del diametro di un capello – durante il terzo trimestre di gravidanza. (altro…)

Radiografie nei bambini

Nov 06
Scritto da Annamaria avatar
Child patient  in x-ray room.

Child patient in x-ray room.

Radiografie nei bambini? Troppe secondo la tavola rotonda dal titolo “La corretta informazione del rischio/beneficio nell’uso medico delle radiazioni in età pediatrica” organizzata presso il Ministero della Salute, dall’Associazione Italiana di Fisica Medica (AIFM).
Quattro milioni di radiografie nei bambini ogni anno sono moltissime, soprattutto perché se ne ignorano i rischi. Quando le prescrivono ben 4 medici su 10 non informano le mamme e i papà sui possibili danni che possono portare.

In Italia vengono eseguiti ogni 365 giorni quasi 40 milioni di esami radiologici, di questi un decimo sono pediatrici. (altro…)

Diabete gestazionale

Ott 31
Scritto da Annamaria avatar

Pregnancy Diabetes

Quando si è incinta si può sviluppare il diabete gestazionale, un fenomeno che scompare dopo aver partorito, anche se lascia dietro di sé una predisposizione alla malattia che potrebbe essere sviluppata dalla mamma con l’avanzare degli anni. Normalmente non comporta gravi rischi per la madre ed il nascituro, basta però fare gli opportuni controlli e tenere sotto controllo l’alimentazione, che va curata per evitare complicazioni (altro…)

Alcol in gravidanza: pure poco fa male

Set 09
Scritto da Annamaria avatar

alcol-in gravidanza

L’alcol in gravidanza fa sempre male, anche quando se ne assume solo una piccolissima dose. Comporta rischi per il bebè che nascerà. Meglio evitarlo e vivere così più serene.
E’ stato uno studio scientifico italo-spagnolo sulla sindrome feto-alcolica, diretto da Simona Pichini dell’Istituto Superiore di Sanità (Iss) e in pubblicazione su Clinical Chemistry and Laboratory Medicine a dimostrare ancora una volta quanto l’alcol in gravidanza, pure in dosi minime, faccia male. Lo studio condotto su 168 coppie mamma-neonato dell’Hospital del mar di Barcellona ha mostrato come quantità apparentemente irrisorie di alcol consumate durante tutta la gravidanza siano rilevabili sia nel capello materno che nelle prime feci (meconio) neonatali. (altro…)