Articoli taggati come ‘bambina’

Bambini: orecchio otturato

Mag 04
Scritto da Annamaria avatar

Ai bambini, e anche ai grandi, a volte capita di avere l’orecchio otturato. Le cause possono essere diverse. La più comune il tappo di cerume, che genera un calo dell’udito, un ronzio o fischio all’orecchio, a volte anche vertigini.

bambini orecchio otturato

L’orecchio otturato dà molto fastidio ai bambini. Bisogna stare attenti anche quando ci si tuffa in piscina o al mare, dove è lo sbalzo di pressione a provocarlo. Ancora maggiormente quando è un’infezione causata da batteri e funghi, o più raramente da virus, a provocarla.

Se i vostri bambini piangono e si lamentano per l’orecchio otturato, tranquillizzateli, confortateli. Se le orecchie sono tappate per via di uno sbalzo di pressione, è solitamente sufficiente bere un po’ d’acqua, deglutire, sbadigliare oppure masticare per risolvere il problema.

Invece, se l’orecchio è tappato per altre ragioni, consultate un pediatra: potrebbe consigliare lavaggi auricolari o altri prodotti utili a sciogliere il muco o il cerume. In casi più gravi anche una terapia farmacologica, a seconda della diagnosi. 

Quando il disturbo non passa dovrete rivolgervi  a un’otorinolaringoiatra che, con una visita accurata, valuterà qual è il problema e stabilirà l’eventuale trattamento più adeguato.

Sappiate che per il tappo di cerume lo specialista può ricorrere ad appositi aspiratori che in pochissimo tempo causeranno l’espulsione del tappo.

Pubertà precoce

Apr 28
Scritto da Annamaria avatar

La pubertà precoce è aumentata, soprattutto nelle bimbe. Il tasso di crescita si sta riallineando a quello del 2019, in calo rispetto al periodo Covid, ma sempre elevato. 

Si definisce pubertà precoce la comparsa dei segni di sviluppo puberale prima dell’età di 8 anni per le femmine prima dei 9 anni nei maschi. Si parla, invece, di “pubertà anticipata” quando i segni di sviluppo puberale compaiono dopo gli 8 anni nelle femmine e dopo i 9 anni nei maschi.

La causa è lo stress, la sedentarietà e il troppo tempo trascorso davanti agli schermi di Tv, pc, smartphone e tablet. Ma non solo. Influisce anche l’aumento di massa corporea, l’improvvisa interruzione dell’attività sportiva. “C’è di sicuro una componente ereditaria nella pubertà precoce però può avere un peso significativo anche l’ambiente”, spiega Stefano Stagi, che dirige la auxo-endocrinologia del Meyer, a La Repubblica.  

A causare la pubertà precoce, come già sottolineato, anche l’esposizione agli schermi. Il reparto pediatrico dell’Ospedale Bambino Gesù di Roma ha condotto una serie di interviste alle famiglie delle bambine che si sono rivolte al centro medico. Per le piccole, è emerso, vi è stato “un aumento significativo dell’uso dei dispositivi elettronici. E’ riconducibile all’introduzione della Dad, insieme alla persistenza del loro uso per lo svago nel tempo libero”, spiega Carla Bizzarri.

La responsabile dell’ambulatorio di endocrinologia del nosocomio pediatrico romano aggiunge: “Le conseguenze dello ‘screen time’ si studiano da tempo. Per adesso ci sono ricerche sui topi, nei quali si è dimostrato che l’esposizione prolungata alla luce blu dà un anticipo della pubertà nelle femmine”.

Vestito battesimo bambini

Feb 29
Scritto da Annamaria avatar

Alcuni bambini, su scelta dei genitori, vivono la loro prima cerimonia importante da piccolissimi. Molti papà e mamma, come pure gli zii e i nonni, vogliono che il piccolo o la piccola siano elegantissimi per il loro battesimo. Ecco così che la scelta del vestito diventa fondamentale per rendere questa giornata speciale, l’ingresso nella comunità religiosa del pargolo, memorabile.

vestito battesimo bambini

Come deve essere il vestito per il battesimo dei bambini? Innanzitutto bianco, simbolo di innocenza e purezza. Spesso si scelgono quelli realizzati in cotone o seta, più eleganti.Molti sono semplici, altri hanno ricami, pizzi, fiocchi, nastrini. Ci sono quelli classici, quasi da bambola per le piccole. Ma anche quelli più moderni e minimal.

Tra i vestiti da battesimo per i bambini, se femminucce, ci sono gli abitini con la gonna in tulle. Se a maniche lunghe o corte, dipende dalla stagione chiaramente. Per i maschietti è molto gettonato il completo ‘da grande, con tanto di camicia, panciotto e pantalone, che può diventare anche corto se la cerimonia sarà in estate. Alcuni di questi completi sono addirittura arricchiti dalle bretelle elastiche e il papillon. 

Come detto, il bianco la fa da padrone, soprattutto per le principessine di casa. Ma è ben accetto pure il color crema o il rosa pallido o cipria. Per i principini i completi possono anche essere beige, color sabbia o panna. Ma pure il blu non sfigura.

Il vestito da battesimo dei bambini può variare moltissimo con il prezzo, dipende come sempre dal marchio che si sceglie e anche dalla ricercatezza dei tessuti. Ognuno può scegliere a seconda delle sue tasche. Basta non esagerare. Il più delle volte nella semplicità c’è la vera eleganza.

Nei disegni dei bambini le emozioni

Feb 25
Scritto da Annamaria avatar

Nel disegni dei bambini ci sono le loro emozioni. Non è un semplice passatempo che che creano, anzi. Lo afferma la psicoanalista e componente della Società Psicoanalitica Italiana, Adelia Lucattini a Orizzonte Scuola.

nei disegni dei bambini le emozioni

Lasciamoli immaginare il loro mondo, cose che altrimenti rimarrebbero inespresse. Le emozioni nei disegni dei bambini a volte sono manifesti, altre volte meno, ma per loro sono importantissimi. “Attraverso il disegno, la creatività trova una via di espressione che nei bambini va ben oltre la mera manifestazione stilistica“, afferma la terapeuta.

“Essa insegna loro a manifestare le loro emozioni più profonde, alimenta la passione per l’espressività artistica, promuove la pazienza, affina la precisione e le abilità manuali. Per tutti i bambini e in particolare per i bambini che manifestano alcune difficoltà nell’utilizzo degli strumenti grafici, come ad esempio stringere correttamente matite colorate, pennelli, lapis, penne e pennarelli, è consigliata l’impostazione precoce di una corretta presa che sia ergonomica e non faticosa. L’uso di impugnature specifiche adatte alle esigenze di ognuno può orientare i bambini con delicatezza, senza creare pressione emotiva, verso una presa corretta, facilitando così il loro processo di apprendimento del disegno, espandendo le loro capacità espressive mentre imparano giocando”, aggiunge l’esperta.

“Incoraggiare i bambini a disegnare è un modo eccellente per aiutarli a esplorare e comprendere se stessi in modo divertente“, prosegue la Lucattini. “Il disegno infantile è una via privilegiata d’espressione dell’inconscio anche perché visivo, tattile, olfattivo, sensoriale, è una finestra sulle emozioni e sui pensieri, uno strumento specifico di espressione e sviluppo del pensiero che precede il linguaggio e la comunicazione verbale. Questo processo offre ai bambini l’opportunità di confrontare l’immagine mentale con il risultato finale sul foglio, facilitando così l’elaborazione delle loro esperienze ed emozioni”. Nei disegni le emozioni dei bambini, diamogli importanza, mi raccomando.

Occhio pigro

Feb 17
Scritto da Annamaria avatar

Mia figlia ha avuto l’occhio pigro. La diagnosi è arrivata al limite, per colpa di un mal di testa feroce: aveva poco più di 5 anni. Nessuno se n’era accorto. Ed è stata una benedizione averlo diagnosticato: il difetto è stato corretto. Per molti bambini non è così. Lei stessa ha rischiato.

“L’occhio pigrocolpisce nel mondo dal 1,3 al 3,6 per cento di bambini sotto i 5 anni. Si chiama ambliopia, cioè la riduzione della capacità visiva di un occhio. Quando non curata subito diventa irreversibile. E’ la causa più comune di perdita di vista monoculare. Per combattere questo grave problema Sight for Kids riparte. E’ lo screening della vista dei bambini fortemente voluto da Lions International, impegnata da sempre nella lotta alla cecità e ai problemi della vista. Ci si propone di controllare almeno 50mila piccoli su territorio nazionale, così da poterli curare.

“L’ambliopia è una condizione patologica della visione in cui un ‘ostacolo’ nella primissima infanzia, impedisce o riduce la maturazione della capacità visiva di un occhio – spiega il professor Lelio Sabetti, oculista dell’Università dell’Aquila – Nella maggior parte dei casi non ha manifestazioni apparenti, il bambino non presenta particolari limiti, per questo sono necessari screening tempestivi e le visite precoci che permettono di diagnosticarla e di instaurare la terapia più corretta”.

“Per questo, nel 2019 è nato in Italia il progetto Sight for Kids, voluto dai Lions sulla scorta di analoghe esperienze fatte all’estero”, spiega Giovanni Amerio, Medico Oculista, Past al Corriere della Sera.

Il coordinatore di Sight for Kids di Orbassano aggiunge: “Lions è una associazione che da quasi 100 anni si occupa anche di problemi riguardanti la vista. Abbiamo voluto, con questa iniziativa, fare qualcosa per affrontare concretamente un problema diffuso, ma di fatto trascurato. Lo screening è molto semplice e non invasivo, una volta raccolte le adesioni della scuola e dei genitori, nell’arco di una giornata il medico oculista o l’ortottista eseguono una serie di test oculari per i quali servono alcuni strumenti, fra cui il refrattometro. Il tutto dura dai 5 ai 10 minuti per bambino. Poi viene redatto un responso da consegnare ai genitori e inoltre, si usa un sistema di immediata comprensione: un semaforo che può essere verde (nessun problema), giallo (situazione da tenere sotto controllo), rosso (è consigliata una visita oculistica al più presto)”.

L’occhio pigro è un problema: controllate i vostri figli per agire in tempo e correggerlo al più presto.

Maschera Carnevale fai da te

Feb 10
Scritto da Annamaria avatar

E’ uno dei lavoretti classici del periodo. La maschera di Carnevale fai da te la facevo anche io nei miei pomeriggi a casa, o anche a scuola, quando ero alle elementari. I bambini si divertono tanto e la indosseranno con piacere.

maschera carnevale fai da te

Cosa bisogna avere per realizzare una maschera di Carnevale fai da te?

L’occorrente è semplicissimo:

Cartoncino bianco o colorato

Forbici, possibilmente con punta arrotondata, per stare più tranquilli,

Colla

Un elastico robusto

Pennarelli, tempere o pastelli colorati

Piume, lustrini, glitter, strass

I bambini sono pronti? Se sono ancora piccolini, dategli chiaramente una mano e lavorate con loro. Si inizia disegnando sul cartoncino la sagoma della maschera che si desidera realizzare, controllando che sia della misura adatta per il viso che dovrà indossarla. Una volta finito, segnare i punti in cui tagliare per ricavare i buchi per gli occhi e per la bocca, se avete deciso che la maschera coprirà tutto il viso. A questo punto via con le forbici! Ritagliare la sagoma e i praticare i buchi per occhi e bocca. Lasciare a vostro figlio o a vostra figlia la libertà di colorare la maschera di Carnevale fai da te come vuole, creando una maschera da animaletto, ispirata ai cartoni amati preferiti oppure seguendo solamente la sua fantasia. Usare la colla per applicare eventuali decorazioni come strass, lustrini e piccole piume. Fare due fori ai lati della maschera e farvi passare l’elastico. Servirà, chiaramente, a far sì che si tenga ben salda sul viso del vostro dolcissimo bambino.

Parental control

Dic 31
Scritto da Annamaria avatar

Il parental control ci aiuta a proteggere i nostri figli dai pericoli della Rete, che sono innumerevoli. E’ uno strumento fondamentale per filtrare i contenuti a cui i minori possono avere accesso tramite gli ormai tanti device che fanno parte del nostro e del loro quotidiano.

Parental control

La flessibilità del parental control si riflette nella sua capacità di adattarsi a diverse tipologie di dispositivi elettronici. Esistono diverse opzioni tra cui scegliere, ognuna progettata per fornire un controllo mirato su specifici aspetti dell’esperienza digitale dei minori. Queste soluzioni possono essere facilmente scaricate e installate su qualsiasi dispositivo connesso a Internet. La chiave per sfruttare appieno i benefici del parental control risiede nella sua corretta attivazione e configurazione. A questo proposito, i genitori possono rivolgersi ai fornitori di servizi di comunicazione elettronica. Solitamente i gestori telefonici con cui hanno sottoscritto il contratto per l’accesso a Internet. Questi fornitori possono offrire informazioni dettagliate su come attivare e personalizzare il parental control in base alle esigenze specifiche della propria famiglia, chiarisce una nota pubblicata da Adnkronos.

Intanto ha preso il via la nuova campagna di comunicazione istituzionale dal titolo Parental Control. Proteggi il mondo dei tuoi figli“. L’iniziativa vuole sensibilizzare i genitori sull’importanza di utilizzare questo strumento per proteggere i propri figli dagli eventuali rischi presenti nel mondo digitale. La Ministra per la famiglia, la natalità e le pari opportunità Eugenia Maria Roccella ha promosso la campagna. Il Dipartimento per le politiche della famiglia, insieme al Dipartimento per l’informazione e l’editoria, l’ha realizzata in collaborazione. Il tutto è stato reso possibile grazie alle nuove misure di contrasto al disagio giovanile, alla povertà educativa e alla criminalità minorile, inclusi nel recente “Decreto Caivano”. L’obiettivo è raggiungere un vasto pubblico e proteggere così la nuova generazione dalle potenziali minacce online.

Ricordiamoci di attivare il parental control. Facciamolo ora, iniziamo questo 2024 con più attenzione e tranquillità.

Cheesecake fit

Mag 08
Scritto da Annamaria avatar

Sono una fissata del cheesecake, il mio dolce preferito. Qui ve l’ho illustrato in mille varianti nel corso del tempo. Ora vi parlo anche di quello fit, per i bambini e pure gli adulti che si allenano e non vogliono rischiare di prendere peso. Sì, avete capito bene: si può fare..

Per il cheesecake fit in casa dovrete avere: (altro…)