Articoli taggati come ‘figlio’

Carta diritti figli genitori separati

Feb 24
Scritto da Annamaria avatar

Purtroppo sono sempre di più i bambini che subiscono l’addio tra i propri genitori e vivono con sofferenza il disgregarsi della loro famiglia. Per questo l’Autorità Garante per l’Infanzia e l’Adolescenza ha stilato la Carta dei diritti dei figli di genitori separati, dieci punti elaborati con la collaborazione di esperti e dei ragazzi stessi attraverso la Consulta dei ragazzi costituita da diciotto under 17 provenienti da scuole medie e superiori, rappresentanze studentesche, gruppi scout, oratori e federazioni sportive.

La Carta dei diritti di figli dei genitori separati serve a tutti noi per capire cosa è importante fare per non scatenare traumi troppo grandi nella psiche dei bambini e dei ragazzi che si trovano, loro malgrado, a vivere una situazione difficile. (altro…)

Diabete in gravidanza: figlio rischia prediabete

Gen 23
Scritto da Annamaria avatar

Se si ha il diabete in gravidanza, il figlio a circa 10 anni rischia il prediabete. Se non curato, trattato in modo adeguato, fa male non solo alla salute della mamma, ma pure a quella del nascituro.

Il figlio rischia il prediabete se la madre ha il diabete in gravidanza. A evidenziare le conseguenze del diabete è uno studio internazionale pubblicato sulla rivista Diabetes Care. (altro…)

Regalare un cucciolo

Dic 21
Scritto da Annamaria avatar

Regalare un cucciolo a Natale è bellissimo. Uno studio condotto da Bill Hesselmar dell’Università svedese di Goeteborg ha dimostrato che maggiore è la frequenza di contatto con animali domestici, a esempio cani e gatti, da piccoli, minore è il rischio di sviluppare allergie per i bambini, nonché anche eczema e asma.

Prima di regalare un cucciolo di animale, però, pensateci bene, perché bisogna tenere ben presente che non è un oggetto. Come sottolinea l’Empa di Treviso. (altro…)

Bambini: denatalità preoccupante

Nov 29
Scritto da Annamaria avatar

In Italia nascono sempre meno bambini. Il dato sulla denatalità è preoccupante. Il paese è sempre più fatto di anziani e più povero. Lo denuncia anche la SIN, la Società Italiana di Neonatologia.“In Italia nascono sempre meno bambini, un numero nettamente inferiore rispetto ai decessi (464.000 nati per 647.000 morti – Istat 2017), meno anche rispetto agli anni della prima e seconda Guerra Mondiale. Perdiamo ogni anno circa 180.000 persone, è come se città come Modena o Reggio Calabria fossero azzerate” , afferma il Presidente, Prof. Fabio Mosca, lancia l’allarme riguardo al difficile e preoccupante problema della denatalità in Italia. (altro…)

Figlio obesi? Colpa delle mamme

Giu 27
Scritto da Annamaria avatar

Uno studio  condotto dall’università di Padova dice senza ombra di dubbio che se i figli sono obesi è colpa delle mamme che non li percepiscono come tali: non si rendono conto che i piccoli sono in sovrappeso.

Non lo notano. E’ colpa delle mamme se i figli sono obesi. La ricerca, condotta da un team di ricercatori guidato dal prof. Dario Gregori dell’Unità di Biostatistica, Epidemiologia e Sanità pubblica del Dipartimento di Scienze cardiologiche, toraci e vascolari dell’Università di Padova, ha studiato il tasso di “misperception materna” ossia la percezione di un bambino sovrappeso/obeso come sottopeso/normopeso e il ruolo nell’influenzare la decisione di farlo dimagrire. Sono stati coinvolti 2720 bambini di età compresa tra i 3 e gli 11 anni, in 10 nazioni di tutto il mondo: Cile, Messico, Argentina, Brasile, Germania, Francia, Italia, Regno Unito, Georgia, e India. 774 bambini sono risultati in sovrappeso/obesi, la maggior parte in India, 377 pari al 49%, seguiti dall’America Latina con 124 bambini in sovrappeso (16%) in Brasile, 7% (54) in Cile, 6% (45) in Argentina, 6% (47) in Messico.I dati italiani erano in linea con quelli delle altre nazioni europee (30 su 774). (altro…)

Preadolescenza

Giu 01
Scritto da Annamaria avatar

Gestire la preadolescenza di un figlio non è facile. Vi assicuro, parlo con cognizione di causa: mia figlia ha 11 anni e mezzo…

La preadolescenza va in genere dai 9 ai 12 anni, quell’età di mezzo in cui i bambini iniziano a cambiare fisicamente e cominciano pure ad avere una personalità più definita.

Per quanto mi riguarda, per saperne di più sulla preadolescenza, sto leggendo un libro utilissimo, scritto da Alberto Pellai e Barbara Tamborini, “L’età dello tsunami – Come sopravvivere a un figlio pre-adolescente”, edito da De Agostini. (altro…)

Mamme, un figlio costa 11 anni in meno

Feb 28
Scritto da Annamaria avatar

Mamme per sempre, mamme felici, mamme contente di essere madri, ma sappiate che secondo una ricerca fare un figlio costa 11 anni in meno di vita. Lo studio ha scoperto che il mettere al mondo un bambino danneggia i telomeri, responsabili dell’invecchiamento. E così, pur sempre colme di gioia, ci spaventiamo un po’…

Un figlio costa 11 anni in meno alle mamme. Lo studio pubblicato su Human Reproduction è stato realizzato da un team di studiosi della George Mason University, capitanato da Anna Pollack. La scoperta è stata strabiliante: quando una donna diventa madre i suoi telomeri (la parte finale di un cromosoma che protegge lo stesso dal deterioramento) si accorciano del 4,2%. In questo modo si danneggiano le parti responsabili dell’invecchiamento, l’invecchiamento non rallenta e si rischierebbe così di morire prima. Secondo gli studiosi quindi un figlio costa alle mamme 11 anni in meno, con un’incidenza addirittura maggiore se si fuma e c’è  l’obesità. (altro…)

Documenti da presentare dopo il parto

Gen 24
Scritto da Annamaria avatar

Lo so, l’attesa e dolce e nessuna mamma vuole pensare alle pratiche burocratiche, ma ci sono dei documenti da presentare dopo il parto, al Comune e all’Inps, perché il pargolo che si mette al mondo per la legge è a tutti gli effetti un soggetto di diritto.

Quali sono i documenti da presentare dopo il parto?

Ecco il percorso per i documenti da presentare dopo il parto in Comune sono:

L’ospedale vi rilascia subito l’attestazione di nascita. Con questo documento vi dovete recare entro 10 giorni all’ufficio Stato civile del Comune di nascita del bimbo o bimba per fare la denuncia di nascita, comunicando il nome del bambino (si possono indicare fino a tre nomi). (altro…)