Articoli taggati come ‘linee guida’

Parto prematuro

Mar 31
Scritto da Annamaria avatar

Il parto prematuro coinvolge in Italia circa il 5-6% delle gravidanze. E la principale causa di mortalità e morbilità neonatale. Per questo, nasce il nuovo Gruppo di Lavoro della SIMP (Società Italiana di Medicina Perinatale) che, con l’Associazione Vivere Onlus, sarà impegnato nella stesura delle Linee Guida per promuovere la corretta comunicazione tra medico e famiglia nell’eventualità di parto pretermine, ossia prematuro.

In occasione del primo incontro del Gruppo, sono state presentate le nuove indicazioni terapeutiche del Progesterone Vaginale. (altro…)

Parto in casa: consigli per non rischiare

Dic 06
Scritto da Annamaria avatar

Il parto in casa diventa sempre più ‘in’. I consigli per non rischiare della Società italiana di neonatologia (Sin) sono utili. Perché è bellissimo e tenero il parto in casa, ma meglio stare tranquille.
Per dire di sì al parto in casa bisogna che la gestante non abbia patologie particolari. Soprattutto è necessario affidarsi a ostetriche formate e sapere che in caso di necessità è possibile raggiungere facilmente una struttura attrezzata per le emergenze.

Maurizio Bonati, Responsabile del Dipartimento di Salute Pubblica dell’IRCCS Istituto Di ricerche Farmacologiche Mario Negri di Milano, ha spiegato: “Oggi sono circa un migliaio ogni anno i bambini che nascono in casa in Italia. Un fenomeno che interessa solo alcune Regioni e pochi genitori molto determinati a contrastare la medicalizzazione talvolta eccessiva del percorso nascita”. (altro…)

Controlli da incinta: nuove linee guida Oms

Nov 09
Scritto da Annamaria avatar

pregnancy

I controlli ‘da incinta’ sono importantissimi, l’Oms lancia le nuove linee guida. Con il pancione servono almeno otto visite dal medico per ridurre la mortalità sia della mamma che del bambino, che devono essere usate anche per dare consigli nutrizionali e sull’attività fisica da praticare alle donne in dolce attesa.

L’Oms dà le nuove linee guida per quanto riguarda i controlli ‘da incinta’ perché nel mondo 303mila donne sono morte lo scorso anno per cause legate alla gravidanza, 2,7 milioni di bambini sono morti nei primi 28 giorni di vita e 2,6 milioni sono nati già morti. (altro…)

Neonati in camera dei genitori: sì

Ott 26
Scritto da Annamaria avatar

neonati-in-camera-dei-genitori-si

In molti ci siamo sempre chiesti se i neonati devono stare in camera dei genitori a dormire. E’ meglio di . I neonati dovrebbero dormire in camera dei genitori per almeno i primi sei mesi della loro vita così da ridurre al minimo il rischio di decessi legati al sonno. Meglio ancora, i neonati dovrebbero rimanere in camera dei genitori fino al compimento di un anno, assolutamente . Lo dicono i pediatri americani in un rapporto pubblicato sull’American Academy of Pediatrics.

Il è valido per la culla. I bimbi non devono condividere il letto con mamma e papà perché in questo modo aumenta invece il rischio della sindrome di morte improvvisa del lattante (SIDS). (altro…)

Alimentazione dei bambini dallo svezzamento

Lug 28
Scritto da Annamaria avatar

E’ importante avere le idee chiare sull’alimentazione dei bambini dallo svezzamento in poi. E’ per questa ragione che il Ministero della Salute ha dato le linee guida.
L’alimentazione dei bambini dallo svezzamento in poideve essere giusta ed equilibrata, senza abbondare nelle porzioni o la contrario essere troppo avari. Il mix tra carnoidrati, proteine, vitamine deve essere perfetto.

Ecco quindi le linee guida che riguardano l’alimentazione dei bambini dallo svezzamento in poi. (altro…)

Sonno bambini: nuove linee guida

Giu 17
Scritto da Annamaria avatar

sonno-bambini-nuove-linee-guida

Il sonno è importantissimo per i bambini: dormono troppo poco. Lo sottolineo io che ho una figlia che va sempre a letto tardi… Dormire meno ore rispetto a quanto necessita il nostro corpo può comportare un danno alla salute. L’American Academy of Sleep Medicine ha appena diffuso le nuove linee guida per i bambini dai 4 mesi fino agli adolescenti di 18 anni.

Le nuove linee guida che riguardano il sonno dei bambini sono chiarissime. Per i neonati dai 0 ai 4 mesi le ore possono variare, perché le condizioni non sono ancora stabili, per quelli dai 4 mesi fino all’anno di età il sonno nei bambini deve andare dalle 12 alle 16 ore. Sono compresi anche i pisolini durante il giorno. (altro…)

Se il bambino russa

Apr 19
Scritto da Annamaria avatar
Deep sleeping children girl closeup portrait

Deep sleeping children girl closeup portrait

Se il bambino russa, non va bene. I disordini respiratori del sonno hanno conseguenze anche sull’attenzione e la capacità di apprendimento a scuola. Se il bambino russa, bisogna intervenire. Dal 3% al 21% dei bambini russa, alcuni ogni notte, altri spesso. Tra l’1% e il 6% è interessato da disordini respiratori del sonno.
Se il bambino russa ci sono le ‘Linee guida nazionali per la prevenzione ed il trattamento odontoiatrico del russamento e della sindrome delle apnee ostruttive nel sonno in età evolutiva’, approvate dal Consiglio Superiore di Sanità e pubblicate sul sito del Ministero della Salute. (altro…)

Celiachia: per i bimbi basterà un test del sangue

Nov 10
Scritto da Annamaria avatar

celiachia-bimbi-test-sangue

I bimbi potranno scoprire se sono affetti da celiachia con un semplice test del sangue, evitando la biopsia. Lo hanno stabilito le nuove linee guida del Ministero, presentate in occasione del IV Convegno nazionale dell’Associazione italiana celiachia (Aic), che servono ad aggiornare e a rendere uniformi su tutto il territorio nazionale i percorsi diagnostici, diversi per un bambino e un adulto, e i tempi e le modalità dei controlli dopo la diagnosi.

Negli adulti rimane fondamentale l’esame endoscopico, ma vengono posticipati i controlli dopo la diagnosi, che deve essere tempestiva e corretta.
In Italia sono appena 180mila i pazienti diagnosticati, a fronte dei 400mila “sommersi”. Di questi ben 50mila sono bimbi: con il nuovo protocollo un test del sangue basterà a scoprire la celiachia e così verranno alla luce un maggior numero di casi e si ridurranno drasticamente le diagnosi sbagliate. (altro…)